VICHY – MINERAL 89

Da circa un mese sto usando Mineral 89 della Vichy. Si tratta un siero da applicare quotidianamente e che ha come obiettivo quello di rinforzare la barriera cutanea, fortificare la pelle e renderla ogni giorno più resistente e rimpolpata.

È un prodotto dalla texture leggera e acquosa che si assorbe rapidamente, e dalla formulazione molto semplice, contiene infatti solo 11 ingredienti. Le sostanze che lo arricchiscono e lo rendono unico sono l’elevata percentuale di acqua termale di Vichy e il sodio ialuronato.

Le acque termali sono un vero toccasana per la pelle. Ricche in minerali come sodio, magnesio, zinco e calcio, possono essere usate su tutti i tipi di pelle, comprese quelle più sensibili e con dermatiti.
Si contraddistinguono per trovarsi nella profondità del sottosuolo dove, a contatto con le rocce e con la terra, si arricchiscono di tantissimi minerali. Per questo ogni sorgente presenta composizione e caratterische uniche.

L’acqua Termale di Vichy nasce nel cuore dei vulcani Francesi ed è incredibilmente ricca di minerali che le donano la capacità di rinforzare la pelle contro le aggressioni quotidiane.
In questo prodotto è presente in una percentuale elevatissima: rappresenta l’89% della formula ed è da qui che prende il nome Mineral 89.

Lo ialuronato di sodio è il sale sodico dell’acido ialuronico, una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo, che, a livello della pelle, si trova nel derma. Si presenta come una sostanza capace di legare intorno a sé enormi quantità di acqua. Questa caratteristica consente di mantenere l’adeguata e naturale idratazione della pelle e conseguentemente il turgore.
Studi in vitro e in vivo hanno dimostrato come la presenza di acido ialuronico, in concentrazioni specifiche, ricrei un ambiente fisiologico ottimale per la proliferazione e migrazione dei fibroblasti e per la neosintesi di collagene e di altri costituenti del derma. Essendo però una molecola particolarmente grande, non riesce a raggiungere questo strato dove eserciterebbe la sua azione antirughe, ma se presente sotto forma di frammenti all’interno dei cosmetici può penetrare maggiormente.

View this post on Instagram

Mineral 89 di @vichy_it è un siero da applicare quotidianamente e che ha come obiettivo quello di rinforzare la barriera cutanea, fortificare la pelle e renderla ogni giorno più resistente e rimpolpata. È un prodotto dalla texture leggera e acquosa che contiene solo 11 ingredienti, tra cui L’ACQUA TERMALE DI VICHY e il SODIO IALURONATO. 💜Io lo uso prima della mia crema abituale mattina e sera, e non appena si asciuga sento proprio una sensazione di idratazione e comfort sulla pelle, ed essendoci il sodio ialuronato, avverto anche un po’ di “tiraggio”. Avendo però una pelle secca e alipidica, da solo non sarebbe sufficiente e per questo lo uso come siero. Ecco però alcuni casi in cui penso potrebbe essere usato anche da solo come unico prodotto: 💜in aereo quando si affrontano lunghi viaggi; 💜in ufficio quando è attiva l’aria condizionata; 💜come base per il trucco; 💜in estate dopo un bagno al mare da applicare prima della protezione solare se si sente la pelle tirare; 💜in estate, da chi ha la pelle che tende a sudare molto ma non vuole rinunciare ad un trattamento cosmetico. Per saperne di più leggi il post sul mio blog, link in bio 👆🏻. * * #consigliodermocosmetico #consigliodermocosmetico_recensioni #farmacistacosmetologa #farmacista #farmacia #pharmacist #cosmetologa #dermocosmesi #beautyblogger #skinblogger #skincareblogger #skincarelovers #skincareaddict #instaskin #instaskincare #beauty #beautiful #bellezzaebenessere #mineral89 #vichy #vichyitalia #acquatermale #acidoialuronico #idratazione #pelleidratata #moisturizer #skinhydration #hyaluronicacid #goodcosmetics #cosmetologia

A post shared by Dott.ssa Ilaria Del Borrello (@dott.ssa_ilariadelborrello) on

Per quanto riguarda la sua applicazione, sul sito VICHY raccomandano di erogare due gocce di prodotto sulle mani e di picchiettarle sul viso. L’eccesso va poi massaggiato.

Io lo uso prima della mia crema abituale mattina e sera, e non appena si asciuga sento proprio una sensazione di idratazione e comfort sulla pelle, ed essendoci il sodio ialuronato, avverto anche un po’ di “tiraggio”. Avendo io una pelle secca e alipidica, da solo non sarebbe sufficiente e per questo lo uso come siero.

Ecco però alcuni casi in cui penso potrebbe essere usato anche da solo come unico prodotto: in aereo quando si affrontano lunghi viaggi; in ufficio quando è attiva l’aria condizionata; come base per il trucco; in estate dopo un bagno al mare da applicare prima della protezione solare se si sente la pelle tirare, o, sempre in estate, da chi ha la pelle che tende a sudare molto ma non vuole rinunciare ad un trattamento cosmetico.

INCI

Aqua / Water – PEG/PPG/Polybutylene Glycol-8/5/3 Glycerin – Glycerin – Butylene Glycol – Methyl Gluceth-20 – Carbomer – Sodium Hyaluronate – Phenoxyethanol – Caprylyl Glycol – Citric Acid – Biosaccharide Gum-1

VEDIAMO NEL DETTAGLIO COSA CONTIENE

Aqua / Water: solvente

PEG/PPG/Polybutylene Glycol-8/5/3 Glycerin: è un derivato della glicerina.
È un liquido oleoso che agisce come un eccellente idratante cutaneo.
Le sue capacità umettanti sono comparabili a quelle della glicerina, e quando si trova in coppia con quest’ultimo dona alla pelle un’elevata idratazione.

Glycerin: è un alcool igroscopico con tre gruppi ossidrilici, grazie ai quali è in grado di legare tantissime molecole di acqua. In questo modo svolge sia un’azione umettante, sia un’azione ritardante l’evaporazione dell’acqua.

Butylene Glycol: è una piccola molecola che, grazie alla presenza di due gruppi alcolici (OH), è in grado di agire come idratante ed umettante, ma anche di funzionare come solvente per altre sostanze funzionali. Può inoltre essere usato per regolare la viscosità del prodotto finito.
A dosaggi elevati svolge anche una debole azione conservante.

Methyl Gluceth-20: è una sostanza umettante ed idratante di origine vegetale. È infatti formata dal glucosio e dall’alcool metilico.
Oltre che come idratante, può essere usato come disperdente di oli essenziali e pigmenti, o per evitare l’evaporazione dell’acqua dal cosmetico.

Carbomer: è un agente gelificante della fase acquosa. È pH dipendente: forma un gel solo in presenza di una sostanza basificante (quindi con pH tra 7 e 14) come l’ammonio idrossido, il sodio idrossido, il potassio idrossido, la trietanolammina (TEA) o l’arginina.

Sodium Hyaluronate: lo ialuronato di sodio è il sale sodico dell’acido ialuronico, una sostanza naturalmente presente nel nostro corpo, che, a livello della pelle, si trova nel derma. Si presenta come una sostanza capace di legare intorno a sé enormi quantità di acqua. Questa caratteristica consente di mantenere l’adeguata e naturale idratazione della pelle e conseguentemente il turgore.
Studi in vitro e in vivo hanno dimostrato come la presenza di acido ialuronico, in concentrazioni specifiche, ricrei un ambiente fisiologico ottimale per la proliferazione e migrazione dei fibroblasti e per la neosintesi di collagene e di altri costituenti del derma. Essendo però una molecola particolarmente grande, non riesce a raggiungere questo strato dove eserciterebbe la sua azione antirughe, ma se presente sotto forma di frammenti all’interno dei cosmetici può penetrare maggiormente.

Phenoxyethanol: è un conservante dall’azione antimicrobica ad ampio spettro, attivo, infatti, sui batteri Gram positivi, Gram negativi e sui funghi.

Caprylyl Glycol: è una piccola molecola che è principalmente idratante e condizionante. Ha anche una debole azione conservante.

Citric Acid: è un alfaidrossiacido. È una piccola molecola che in cosmesi è usata soprattutto per regolare il pH dei prodotti.

Biosaccharide Gum-1: è uno zucchero di grandi dimensioni formato dalla ripetizione di acido galatturonico, L-fucosio e D-galattosio. Sulla pelle forma un film protettivo dall’azione idratante e ristrutturante, conferendo una sensazione di morbidezza e comfort.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *