G

A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P   Q  R  S  T  U  V  X  Z




gelidium cartilagineaum

È un alga rossa contenente iodio. Grazie a questo principio attivo, il gelidium è in grado di stimolare le cellule a bruciare i grassi di riserva accumulati, stimolando l’adipocita e attivando la demolizione dei lipidi locali. Pertanto può essere considerato un rimodellante della silhouette.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

genisteina

La Genisteina è il principale isoflavone contenuto nella soia. Questo estratto è in grado di incrementare l’elasticità della pelle e di inibire l’accumulo di grasso all’interno degli adipociti favorendo l’attività della lipolisi e producendo di conseguenza un’azione snellente.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

geraniol

Il geraniol è un allergene del profumo, è una sostanza, cioè, che in persone predisposte può causare una reazione allergica. E’ un componente non solo dei profumi ma anche degli olii essenziali.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

ginkgo biloba

Gli estratti di ginkgo biloba sono usati nei disturbi circolatori perché migliorano l’irrorazione del microcircolo, la circolazione venosa e quella periferica.

Per saperne di più leggi questo post.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glaucium flavum

Gli estratti del Glaucium o Papavero Giallo sono in grado di agire sugli inestetismi della cellulite diminuendo sia la ritenzione dei liquidi sia il deposito di grasso. Il risultato è un’intensa azione stimolante e rimodellante.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glycerin

È un alcool igroscopico con tre gruppi ossidrilici, grazie ai quali è in grado di legare tantissime molecole di acqua. In questo modo svolge sia un’azione umettante, sia un’azione ritardante l’evaporazione dell’acqua.

È un prodotto naturale ed è l’umettante più utilizzato in ogni tipologia di prodotto proprio grazie alle sue caratteristiche.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glyceryl glucoside

Il glyceryl glucoside è un idratante ed umettante. E’ ottenuto dalla reazione di condensazione tra il glucosio e la glicerina, entrambe molecole notoriamente idratanti.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glyceryl oleate

Il glyceryl oleate è un emulsionante non ionico ottenuto dalla condensazione tra il glicerolo e l’acido oleico. Ha una funzione emolliente, e, quando applicato sulla pelle, rallenta la perdita di acqua.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glyceryl stearate

Il glyceryl stearate è un emulsionante non ionico ottenuto dalla reazione di esterificazione tra la glicerina e l’acido stearico.

Oltre a dare consistenza alle emulsioni, questo ingrediente funziona anche come lubrificante dell’epidermide che lascia la pelle morbida e forma una barriera che rallenta la perdita di acqua.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glycol distearate

Il glycol distearate è una sostanze perlescente che conferisce luce al prodotto in cui è inserito. Nelle formulazioni che contengono tensioattivi, forma un’opalescenza bianca brillante. È un estere glicolico dell’acido stearico che conferisce ricchezza ed effetto cremoso ai cosmetici.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

glycolic acid

L’acido glicolico è un alfa idrossi acido, una sostanza in grado di eliminare lo strato più superficiale della pelle levigandola e donandole luce, e di agire sulle rughe stimolando i fibroblasti a produrre più collagene, elastina ed acido ialuronico.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.

 

gluconolactone

Il Gluconolactone è un polidrossiacido che offre alla pelle tutti i benefici degli alfaidrossiacidi ma in maniera talmente delicata che è l’ideale anche per le pelli più sensibili. Ha diverse funzioni, e nei prodotti cosmetici può essere aggiunto sia come sostanza attiva per apportare benefici alla pelle, che come additivo per migliorare la qualità e la stabilità del cosmetico. In quest’ultimo caso è usato come chelante per evitare che eventuali sali minerali possano inficiare sulla stabilità del prodotto finito.

In presenza di acqua, la particolare forma ad anello del gluconolattone si apre e si converte in una molecola che è sia un alfa-idrossiacido, sia un poli-idrossiacido che così:

  • stimola l’esfoliazione e il turnover cellulare in modo sovrapponibile all’acido glicolico;
  • ha un meccanismo igroscopico e idratante diretto grazie ai gruppi ossidrilici.

La sua forma maschera il gruppo acido evitando quei fenomeni d’irritazione e prurito che spesso accompagnano l’applicazione dell’acido glicolico.

Ha inoltre una debole azione antibatterica che può essere utile nei prodotti per il trattamento dell’acne.

Per sapere in quali cosmetici puoi trovarlo clicca qui.