Idratare e curare le mani

Dopo aver parlato in questo post di come e perché la pelle delle mani si rovini con facilità, soprattutto in inverno, vediamo adesso quali strategie adottare per migliorarne la bellezza.

IL PRIMO PASSO: LA DETERSIONE.

La detersione è sicuramente uno degli step fondamentali.

Pensate a quante volte ci laviamo le mani nel corso di una giornata: quando rientriamo a casa, prima di mangiare, mentre facciamo qualche faccenda domestica, ecc.

Sulla base di questa piccola premessa, è facile intuire come la detersione debba essere il più delicata possibile.





È importante scegliere detergenti specifici per le mani, delicati e a pH neutro o acido, meglio se formati da una base oleosa, e optare per quelli arricchiti di sostanze protettive e nutrienti soprattutto se la pelle è particolarmente secca.Da bandire i detergenti aggressivi, quelli, cioè, che creano tanta schiuma: hanno il difetto di eliminare non solo lo sporco, ma anche il sebo che ci protegge e ci idrata, esponendo così la pelle al rischio di disidratarsi e di aprire la strada a fessurazioni, infiammazioni, dermatiti e infezioni.

 

 

IL SECONDO PASSO: L’IDRATAZIONE.
Dopo aver lavato le mani, o comunque quando se ne senta la necessità, è sempre consigliabile applicare una crema per ristabilire il film idrolipidico e per garantire una corretta idratazione e protezione cutanea. 

Ma come scegliere la crema giusta?
Nel caso in cui la pelle delle mani non sia particolarmente secca e non siano presenti problemi quali spaccature o rossori, si può optare anche per una semplice crema idratante, una crema, cioè, che contenga soprattutto sostanze che apportino acqua alla cute. In questo caso la crema potrà contenere glicerina, zuccheri, miele, ma anche vitamine.

Questo tipo di crema può essere anche utilizzata in estate e in primavera.
Nel caso in cui la pelle sia molto secca, screpolata, spaccata e sanguinante è preferibile scegliere creme emollienti, particolarmente ricche di oli naturali, in grado di ripristinare in tempi brevissimi le funzioni della cute. Le migliori creme emollienti conterranno ad esempio grassi vegetali pregiati come il burro di Karitè, l’olio di avocado, l’olio di germe di grano, l’olio di soia, ecc. i quali sono formati anche dalla frazione insaponificabile, una parte dell’olio particolarmente ricca di vitamine, fitosteroli, carotenoidi, terpeni, ecc, che hanno un’elevata capacità ristrutturante e antiage.

Un soccorso all’ultimo minuto per le mani?
Prova ad applicare un abbondante strato di burro di karitè, eventualmente mettendo anche dei guanti in lattice per evitare di ungere ovunque! Puoi lasciarlo in posa anche tutta la notte, al risveglio le mani saranno ultra morbide.
 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *